Sleepless-Il giustiziere: la recensione(senza spoiler)

unspecified.jpg

Ricco, emozionante, dove niente è come sembra. Queste sono le tre caratteristiche principali di Sleepless-Il giustiziere, il nuovo film di Baran Bo Odar che vede protagonista Jamie Foxx, affiancato da Michelle Monaghan, Dermot Mulroney e David Harbour. La trama, che a primo impatto sembra qualcosa di già visto, è in realtà ricca di suspense, con continui colpi di scena, ribaltamenti di fronte, che tengono lo spettatore attaccato allo schermo per tutta la durata del film. Il ritmo della pellicola è veloce, con la cinepresa che non si ferma praticamente mai.

La storia si svolge all’interno di un casinò di Las Vegas, ricreato alla perfezione con grande cura nei dettagli: la sala slot, le cucine, la Spa, la discoteca, tutto appare con estremo realismo agli occhi dello spettatore. Protagonista di questo thriller avvincente è Vincent Downs(Jamie Foxx), un tenente di polizia sotto copertura, ma soprattutto un padre disposto ai gesti più estremi pur di salvare il proprio figlio rapito dagli uomini del boss, che rivuole da Vincent la sua partita di cocaina. Il protagonista si muove all’interno del casinò inseguito dai suoi colleghi, che sospettano di lui, e dagli uomini del boss, desiderosi di riprendersi la droga. Il bene e il male dunque, Vincent si trova in mezzo a due opposti, anche se alla fine della pellicola si scoprirà che quel sistema, di cui lui per primo sospettava, è in realtà corrotto e pieno di mele marce. Due i temi che emergono dal film: da una parte c’è un padre desideroso di riavere suo figlio per riportarlo alla madre e ricucire con lui un rapporto interrotto per due anni, dall’altra c’è un sistema che collabora con i boss del crimine.

Grande prova per Jamie Foxx, perfetto nei panni del tenente Vincent, che si conferma ancora una volta un attore poliedrico. Ottima prova anche di Michelle Monaghan, a suo agio nel ruolo di Jennifer, poliziotta che insegue per tutta la durata della pellicola Vincent in cerca della verità. Un personaggio importante il suo, determinato, ostinato, che crede nella giustizia, ma paradossalmente l’ultimo a capire dove è il bene dove il male…

Di seguito il trailer del film, che uscirà nelle sale italiane il 2 febbraio:

Un pensiero su “Sleepless-Il giustiziere: la recensione(senza spoiler)

Rispondi