La recensione di “Terra” di Le Luci Della Centrale Elettrica

terra-lldce

GENERE: Cantautorato, Alt-rock
DATA DI USCITA: 03.03.2017
LABEL: Cara Catastrofe
ARTISTA: Le Luci Della Centrale Elettrica
TITOLO: Terra
TRACCE: 10
VOTO: 4.5 / 5

Con l’esordio sulle scene nel 2007 grazie al suo progetto Le Luci Della Centrale Elettrica ha contribuito ad allontanare dall’indie quella “puzzetta sotto al naso” che la avvolgeva fino ai primi anni 2000, a dieci anni di distanza con questo nuovo album, intitolato “Terra”, Vasco Brondi è tornato in una scena musicale completamente cambiata, nella quale l’indie è più popular che mai.

L’impatto poteva essere tremendo e lasciare come vittima sacrificale l’intero progetto. Eppure questo album rischia di essere il più bel lavoro indie di questo inizio 2017.

Dal punto di vista tecnico, “Terra” mette ben in evidenza il grande lavoro sulla musicalità e sulla modulazione vocale operato dall’autore ferrarese in questi anni lontani dalle scene. Nell’aspetto ritmico è ben chiara una grande ricerca sonora che approda alla musica etnica, con suoni che rappresentano un mix tra la musica africana e quella balcanica. I testi sono tipici del cantautorato più belli degli anni 2000, d’altronde Vasco Brondi ci ha abituati bene, forse troppo. I suoi versi pieni di flussi di coscienza alla Joyce suonano troppo sofisticati per le orecchie dell’ascoltatore medio di oggi; un altro rischio che Brondi ha scelto di prendersi con questo “Terra”.

Nonostante questo, ciò che ci resta dell’album è un’emozione tremendamente viva.

Si parla di negatività e positività, attualità, sentimenti, esperienze; il tutto con una facilità ed una poeticità invidiabile. E sapete cosa c’è di ancor più bello? Che il disco è anche parecchio radiofonico!

I pezzi che colpiscono di più sono“Coprifuoco”, “Stelle Marine” e “A Forma Di Fulmine”, i tre singoli usciti prima del disco, ma tutti e dieci i pezzi, al primo o ai successivi ascolti, arrivano dritti alla testa e al cuore.

Vedremo come questi pezzi reggeranno la grande emozione del palco, di certo, se dovessi scommettere su chi potrebbe essere la “rivelazione musicale” di quest’anno, probabilmente punterei sul ritorno sulle scene di Vasco Brondi e del suo progetto Le Luci Della Centrale Elettrica.

Rispondi