Ligabue: Il Made in Italy fa tappa a Livorno, la recensione

Dopo esser stato costretto a rimandare la partenza del Tour a causa di alcuni problemi di salute alle corde vocali, Liga arriva finalmente al Modigliani forum, per il primo dei due appuntamenti livornesi programmati per venerdì 10 e sabato 11 Marzo, sono solo due delle oltre 50 date previste dal Made in Italy Tour 2017 che lo terranno occupato fino a fine maggio.

ligabue livorno 2

Ph. Matteo Gistri

Il tour prende il nome dal suo ultimo album, pubblicato il 18/11/2016 e preceduto dai singoli estratti G come giungla e Made in Italy. Basta scrutare le reazioni del pubblico per capire che probabilmente ancora non è stato metabolizzato come si deve. Tutta via il caro buon vecchio Liga sa come far decollare la festa, ed emozionare le anime dei devoti. Infatti sa benissimo che può contare su tutti quei pezzi che hanno segnato intere generazioni e caratterizzato il panorama musicale italiano. La particolarità di Ligabue sta nel suo modo di rivolgersi al pubblico, con semplicità, quasi come se volesse eliminare tutte quelle barriere che ci sono tra lui e la platea ed andare a far parte di esso; è la sensazione che ti avvolge quando a metà concerto prende Poggipollini e il resto della band, per trasferirsi in cima alla passerella del palco, per cimentarsi in una fantastica versione acustica di Lambrusco e pop corn, unendo tutti nella semplicità della musica e regalando un momento unico e ricco di profondità. In seguito afferra il toro per le corna cantando sulle note ruggenti di Happy hour, fino a traghettarci in dietro nel tempo con le dolci sonorità di Piccola stella senza cielo. Il finale è scontato, ma riesce a toccarti nel profondo con Certe notti e quel vizio che non vuol smettere, smettere mai. Ed è così, che con un vortice di emozioni contrastanti, ma allo stesso tempo che viaggiano in simbiosi tra loro, non poteva e potevamo che concludere Urlando contro il cielo

 

 

Rispondi