Life – Non oltrepassare il limite, presto nelle sale cinematografiche

life

Dal 23 marzo arriva nelle sale cinematografiche “Life : Non  oltrepassare il limite, l’avvincente thriller sul coraggio dell’uomo e il suo desiderio di esplorazione ai limiti della conoscenza. Distribuito dalla Warner Bros. Entertainment, il film è diretto dal regista Daniel Espinosa. La pellicola vede un cast di attori molto importanti: Jake Gyllenhaal, Ryan Reynolds e Rebecca Ferguson. Ne fanno parte anche: Hiroyuko Sanada, Ariyon Bakare e Olga Dihovichnaya.

Il filmLife: Non oltrepassare il limiteracconta la storia dell’equipaggio di una stazione spaziale internazionale in procinto di fare una delle scoperte più importanti della storia: raccogliere la prima prova di una vita terrestre su Marte. Quando l’equipaggio inizia a svolgere le prime ricerche sul campione, capirà di trovarsi di fronte una forma di vita più intelligente del previsto.

La sceneggiatura aveva un fortissimo livello di realismo e trasmetteva tensione costante – afferma Ryan Reynolds, protagonista del film nel ruolo dell’esperto Rory Adams- il film inizia come fosse la storia di una scoperta nello spazio e poi si tinge di tensione crescente man mano che restiamo in contatto e conosciamo sempre meglio questa ‘cosa’ portata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale”.

Ad affiancare Ryan Reynolds c’è Jake Gyllenhaal, che da anche la sua sul lavoro del regista raccontando: “Daniel ha voluto costruire una realtà terribilmente soffocante, in altri film, ci si può distaccare dalla realtà del grande schermo, Daniel invece ha voluto creare un ambiente dove tutto fosse veramente realistico“. Espinosa già regista di Child 44 – Il bambino numero 44,  spiega: “Life : Non oltrepassare il limite è un omaggio ed un tributo al coraggio necessario ad incontrare l’ignoto senza paura ed allo stesso tempo porta in sé la storia dell’umanità. Di fatto, noi uomini non abbiamo incontrato l’ignoto molto spesso e quindi la questione sarà non tanto cosa farà l’ignoto a noi, bensì cosa faremo noi all’ignoto.”

Rispondi