Quattro chiacchiere con l’attrice Martina Menichini

940A9042 bn (1)Ci sono interviste e interviste, quella fatta con Martina Menichini è stata interessante, simpatica e piacevole.  

Bella, simpatica e romana. Durante il liceo s’innamora della recitazione frequentando corsi di recitazione, canto e ballo alla Kledy Accademy e inizia l’attività di fotomodella per servizi fotografici di moda e di attrice di fotoromanzi per i giovani. Interpreta alcuni corti come Riflessi di città, Il Bacio, Nereides e lungometraggi come Oltraggio alla Regina. È protagonista del film Nient’altro che noi (2008) del regista Angelo Antonucci. Nel 2009 si diploma all’Accademia di recitazione e doppiaggio di Stefano Jurgens e frequenta il Laboratorio teatrale di Claudio Botosso. Conduce le previsioni del tempo su Sky meteo 24, frequenta l’Accademia di doppiaggio di Teo Bellia (2010) e contemporaneamente migliora le proprie tecniche canore.  Si perfeziona, a Londra nella recitazione inglese diplomandosi al Summer Shakespeare (2011) e all’Actor’s House con Giorgio Albertazzi, Rossella Izzo, Anna Strasberg, Fioretta Mari, Luca Ward, e Antonella Tersigni. Inizia il suo percorso teatrale con “La sotto veste rossa” di Boccancini, fino ad affrontare “L’amante” di Pinter nel ruolo di Sarah.

Ciao Martina, hai iniziato da giovanissima a recitare, quando hai capito che sarebbe diventato l’amore della tua vita?

Beh, ho sempre avuto un amore per l’obiettivo, dalle prime volte che vedevo mio padre con la videocamera, proprio amavo stargli davanti. Diciamo che inconsciamente ho sempre saputo quale sarebbe stato il mio futuro lavoro, poi da più grande, a 15 anni in via del corso una ragazza mi diede un volantino di un’agenzia di moda e da lì ne presi coscienza, mai scelta fu più saggia.

Hai fatto tantissime opere teatrali, quale personaggio ti è rimasto più a cuore?

Il personaggio a cui sono più legata è sicuramente Sarah nello spettacolo di Pinter “L’Amante”. Quando interpreto nuovi personaggi, mi sento sempre in obbligo verso il pubblico, perché noi attori non siamo solo quello che lo spettatore vede sul palco o al cinema, chi conosce l’ambiente sa che prima c’è tutto un allenamento costante e certosino, in cui vengono affinate particolarità del ruolo. A mio parere è proprio questo il bello dell’essere attore. Sicuramente sono aspetti che mi hanno fatto innamorare di questo mestiere, perché noi diventiamo la realtà agli occhi di chi ci guarda.

Cosa farai quest’estate?

Sono stata selezionata per il “Festival Cinemadamare”, che è un festival in circolazione da 15 anni, starò un mese e mezzo fuori per girare vari corti con registi diversi, la cosa bella è che essendo internazionale gireremo completamente in inglese, imparerò anche nuove tecniche di recitazione. In pratica mi farò vacanze e lavoro contemporaneamente, penso non ci sia cosa più bella!

Come definiresti, in una canzone, Martina Menichini?

Tanti mi dicono che quando ci sono io illumino la scena, però a volte sono proiettata al futuro e non mi godo il presente, perché la mia ambizione mi porta sempre a desiderare altro e non vedere quello che ho. Uno dei miei propositi è quello di godermi quello che ho, perché se non ti godi il presente, non potrai diventare quello che desideri di essere.  Quindi dico: “Ci sei tu” di Nek.

Di Andrea Paone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...