Il bilancio dell’Indiegeno fest 2017

12.indiegeno2017-728x364Ora che si sono calmate le acque, che l’aria a Patti e Tindari ha già iniziato a sentire la mancanza di musica, si può iniziare a ragionare su quello che è stato questo Indiegeno fest 2017.

C’è da fare una premessa; visti i nomi annunciati nella line up, in mano dei ragazzi della Leave Music c’era un’arma a doppio taglio: grandi artisti in grado di riempire grandi palchi, ma proprio per questo grandi responsabilità affinché tutto sia perfetto… Beh, a posteriori, possiamo dire che la sfida di questi ragazzi, anche quest’anno, è stata vinta alla grande.

Dal 4 al 10 agosto sulla costa tirrenica del nord della Sicilia, tra il golfo di Patti e il teatro greco di Tindari, è andata in scena, infatti, una manifestazione a dir poco spettacolare. Nei primi cinque giorni sono stati tanti gli eventi gratuiti alla scoperta delle meraviglie della zona, con escursioni che sono terminate sempre con delle grandi feste in musica; negli ultimi due giorni, invece, occhi puntati sulla musica d’autore e i suoi protagonisti di oggi e di domani. Ad animare le serate siciliane quei grandi nomi cui si accennava in precedenza: da Carmen Consoli a Brunori SAS, dal secret artist Niccolò Fabi a Boosta DJ, passando per Ex-Otago, Marianne Mirage, Renzo Rubino, Artù, Elisa Rossi e tanti altri, tra cui il sorprendente astro nascente Yuri Santos in arte YUMAN.

Una festa che ha colorato di note le notti di mezza estate in Trinacria ed ha ribadito ancora una volta un messaggio veramente cruciale nella nostra esistenza: c’è ancora tanto bisogno di quelle emozioni che soltanto la buona musica sa dare.

Insomma, Indiegeno fest 2017 promosso a pieni voti. Appuntamento al prossimo anno!

Carmen Consoli: grande successo per i tre live romani

Carmen-Consoli.jpg

Dopo alcune date nel Nord Italia, il tour teatrale di Carmen Consoli  è da giovedì nella capitale. ‘Eco di sirene’, che prende il nome dal terzo singolo del disco “Mediamente Isterica” del 1998,  ha conquistato la platea dell’Auditorium Parco della Musica con tre date sold out. Come nel tour ‘L’abitudine di tornare’, che aveva visto la partecipazione di un bassista e un batterista, la cantante è affiancata questa volta dal violinista Emilia Belfiore e dalla violoncellista Claudia Dalla Gatta. ‘Tre sirene’, che per la cantante non sono solo creature magiche capace di trasformare in musica tutti i racconti dedicati al mondo femminile, ma possono essere anche un segnale di pericolo di tutte le guerre che vengono combattute oggi. Lo spettacolo è una vera e propria evoluzione del tour del 2008 ‘Anello Mancante’, nel quale Carmen Consoli si esibiva sola sul palco con le sue 6 chitarre acustiche

Il tour, caratterizzato da un suono nuovo e sperimentale, prevede una scaletta che comprende brani tratti dall’ultimo album ‘L’abitudine di tornare’, più alcuni dei più grandi successi della cantante siciliana come Parole di burro, L’ultimo bacio, Pioggia d’aprile a Contessa miseria.

Dopo le tre tappe romane previste, il tour di Carmen Consoli approderà il 5 marzo a Venezia(Teatro la Fenice), per poi concludersi il 29-30 aprile a Mantova(Teatro Sociale). Di seguito il calendario completo delle trenta date:

-5 marzo  Venezia (Teatro La Fenice)

-8 e 9 marzo  Bologna (Teatro delle Celebrazioni)

-11 marzo Senigallia (Teatro la Fenice)

-18 marzo Pescia (Teatro Pacini)

-19 marzo Genova (Teatro Politeama)

-20,21,22 e 24 marzo Milano (Teatro Dal Verme)

-29 marzo Napoli (Teatro Augusteo)

-30 marzo Bari (Teatro Petruzzelli)

-31 marzo Lecce (Teatro Politeama Greco)

-7 aprile Cagliari (Auditorium del Conservatorio)

-8 aprile Sassari (Teatro Verdi)

-11 aprile Palermo (Teatro Biondo)

-12 e 13 aprile Agrigento (Teatro Pirandello)

-14 aprile Messina (Auditorium Palacultura Antonello),

-23 aprile Lugano (Teatro Lac)

-24 aprile  Firenze (Teatro la Pergola)

-29 e 30 aprile Mantova (Teatro Sociale).

“Il conforto” dei numeri uno. Grande successo per il duetto Ferro-Consoli

il-conforto-650x300Enorme successo in pochissimo tempo per il video di “Il Conforto”, l’ultimo singolo tratto da “Il mestiere della vita” di Tiziano Ferro.

Il videoclip del pezzo cantato in duetto con Carmen Consoli, infatti, è stato visualizzato più di 100mila volte in meno di 12 ore dalla pubblicazione sulla piattaforma YouTube. Un successo che farà impennare ancor di più le vendite dell’album sopracitato, già triplo disco di platino.

Un brano che dipinge con tenerezza il valore salvifico dell’amore. Un’enorme ricchezza di proprietà dei due innamorati, che nel videoclip viene trasposta nella purezza del bianco che fa da sfondo al lungo e rassicurante abbraccio tra i due cantanti.

Come i due corpi in video, le voci di Ferro e della Consoli si fondono perfettamente, mantenendo però intatte le loro particolarità che danno vita ad un prodotto prezioso.

Un connubio veramente azzeccato che avremo l’opportunità ed il piacere di ascoltare anche sul palco dell’Ariston in occasione di Sanremo 2017.