Wind Summer Festival: Coming soon…

COMING-SOON...Tutto pronto, o quasi, per il festival estivo tra i più attesi dell’anno: il Summer Festival.

A fare gli onori di casa del palco, che già da qualche anno ha trovato collocazione a Piazza Del Popolo a Roma, dopo la Coca-Cola toccherà alla compagnia telefonica Wind.

La kermesse avrà vita dal 22 al 25 giugno e tutte e quattro le serate verranno registrate per essere poi trasmesse nel mese successivo in prima serata su Canale 5.

Chi saranno gli artisti che calcheranno l’arena estiva tra le più famose d’Italia? Tantissimi sono i nomi che già impazzano sul web; Tra quelli degli ultimi cantanti usciti dal talent Amici di Maria De Filippi a quelli delle star che stanno già conquistando l’estate a colpi di tormentone e quindi Luis Fonsi, J-Ax e Fedez, Fabri Fibra, Thegiornalisti, Rovazzi feat. Gianni Morandi, Francesco Gabbani e chi più ne ha più ne metta.

Per conoscere il cast ufficiale non ci resta che attendere maggiori news dai profili social Mediaset.

Chissà se anche Piazza Del Popolo si scatenerà sulle note di Despacito…

‘Il gusto della Memoria’: l’intervista alla direttrice artistica Cecilia Pagliarani

gusto della memoria 6.jpg

Il festival ‘Il Gusto della Memoria’ è un contest cinematografico dedicato alla valorizzazione del patrimonio delle pellicole di vecchio formato. Quest’anno la rassegna, giunta alla quinta edizione, ruota intorno al tema della famiglia ed è articolata in tre sezioni: Fiction, Documentari e Pubblicità. Gli aspiranti registi dovranno raccontare  la Storia da un punto di vista alternativo a quello ufficiale, usando i materiali cinematografici presenti in nosarchives.com e nell’archivio dell’Istituto Luce. Oltre a ciò, si potranno usare immagini vecchie e nuove girate con qualsiasi supporto tecnologico. Noi diMZKNews’ abbiamo incontrato la fondatrice e direttrice del festival Cecilia Pagliarani (co-regista con Gianni Amelio di ‘Registro di classe‘ e montatrice di ‘Felice chi è diverso’, sempre di Gianni Amelio), che ci ha concesso in esclusiva un’intervista:

A settembre partirà il festival ‘Il gusto della Memoria’, con all’interno un contest che ruota tutto intorno al tema della famiglia. Che funzione può avere un evento di questo genere, in un’epoca in cui i valori tradizionali si stanno sciogliendo? 

Non mi sembra che i valori tradizionali si stiano sciogliendo, anzi, trovo che la società si stia cristallizzando e diventi sempre meno libera in quello che riguarda le unioni. Il contest del festival vuole appunto dare ai registi la possibilità di raccontarci come vedono loro i rapporti familiari e dare la possibilità a noi spettatori di renderci veramente conto del vento che tira, aldilà dei commenti dei rotocalchi sulle famiglie omosessuali o, ancora più temute, quelle monoparentali (che sono poi da secoli la firma di famiglia più frequente, senza essere mai riconosciuta)”.

Che pensiero ha della famiglia di oggi? Quali sono le differenze rispetto ai nuclei di una volta?

Il concetto di ‘nucleo’ è diventato un’accezione negativa e la gente tenta di giustificare le proprie incapacità relazionali con poli-amori e relazioni di amicizia sessuale“.

Quale può essere un modo per riportare la famiglia al centro della società?

Credo che il problema italiano sia il fatto che lo Stato non dia il sussidio di maternità e gli aiuti ai nuclei familiari. Così i divorziati si risposerebbero e non sarebbero terrorizzati di perdere alimenti e prendersi a carico figli di altri. I figli devono essere prima di tutto i cittadini, e lo Stato deve vigilare al loro benessere. Le famiglie allargate diventerebbero così spazi di educazione e scambio, in Italia solo i ricchi posso permettersi di mettere in comune i figli e ipotizzare adozioni”.

Tornando al contest, è diviso in diverse sezioni: documentari, fiction, pubblicità. Quale sarà il metro di giudizio adottato per valutare i filmati degli aspiranti registi?

Ogni anno abbiamo una giuria di esperti, non solo nel campo cinematografico, che hanno un mese per decretare i vincitori, secondo il loro gusto personale“.

Cosa si aggiudicherà il vincitore?

I premi sono in utilizzo di immagini di archivio, che solitamente costano circa 500 euro al minuto. Il film vincitore verrà co-prodotto dal festival (archivi Nosarchives e Luce Cinecittà) avendo diritto ai materiali in alta qualità. E’ un premio che supera gli 11mila euro di valore nella maggior parte dei casi”

Info utili: il festival si terrà a Roma il 29, 30 e 31 settembre 2017. La scadenza per l’iscrizione è fissata al 30 luglio 2017, mentre i materiali possono essere inviati entro il 30 agosto 2017. Tutte le informazioni per partecipare al bando si trovano al link http://www.ilgustodellamemoria.it

Ecco la line up del Color Fest 2017

17264640_1466785310039505_1520698763266009618_nSe parli di grandi festival musicali al meridione pensi subito al Color Fest. Giunto alla quinta edizione e con la mancata concorrenza del primo maggio di Taranto, che quest’anno non ci sarà, il Color Fest si prepara ad essere un vero e proprio punto di riferimento per gli appassionati di musica in riva al mare.

Il prossimo 4 e 5 marzo a Lamezia Terme (CZ) sul palco incorniciato dalle rovine dell’Abbazia Benedettina saliranno i Fast Animals and Slow Kids, che presenteranno al pubblico il nuovo “Forse non è la felicità”, gli One Dimensional Man di Pierpaolo Capovilla ex Il Teatro Degli Orrori, i Gazebo Penguins, i Gomma, i Canova ed i Riva e tanta altra bella musica.

Grandissima attesa poi per due donne della musica nostrana: Levante e Nada. La prima presenterà il suo nuovissimo lavoro discografico “Nel caos di stanze stupefacenti”, mentre la seconda si esibirà insieme agli A Toys Orchestra in un duetto oramai più che collaudato.

Insomma, una manifestazione sempre più ricca che oltre alla tanta bella musica già citata, darà grande spazio a mostre e dibattiti.