Blade Runner 2049 – La recensione (senza spoiler)

articolo-48941-1150x16

Gli androidi sognano ancora pecore elettriche?

All’annuncio di un sequel di Blade Runner avevano reagito tutti con parecchia paura. Sulla scia degli innumerevoli prequel/sequel/remake/reboot che negli ultimi anni sono andati a scomodare diversi mostri sacri della filmografia mondiale, pochi dei quali in maniera convincente, anche questa pellicola sembrava destinata a perire miseramente sotto il peso del paragone con l’originale.

Ricordiamo infatti che quando si parla di Blade Runner non si fa riferimento solamente ad un film del 1982 che col passare degli anni ha assunto lo status di cult senza tempo, ma ad una pellicola che ha definito e plasmato un intero immaginario. Da Akira a Ghost in the Shell, ma anche il fumetto Nathan Never, Videodrome e Gattaca, tutta la fantascienza che segue Blade Runner pesca a piene mani proprio dall’estetica cyberpunk di questa pellicola diretta da un Ridley Scott ancora in stato di grazia, accompagnato dalla fotografia di Jordan Cronenweth e dalle scenografie di David L. Snyder. Contrapposizione tenebrosa alla fantascienza più ingenua ed edulcorata del passato e più in linea con quella “arrugginita” alla Star Wars (il primo capitolo era uscito nel 1977), veramente in pochi, inizialmente, si sarebbero aspettati l’impatto che questo film avrebbe avuto non solo sul suo genere, ma sull’intera storia del cinema. Dopotutto anche Blade Runner ha avuto una vita abbastanza travagliata: arrivato nelle sale lo stesso anno in cui moriva da senzatetto Philip K. Dick (autore del libro dal quale il film è tratto) e accolto inizialmente in maniera piuttosto fredda al botteghino, anche dopo il grande successo è stato rimaneggiato più e più volte dai produttori e dallo stesso Scott arrivando a un totale di sette (sì, SETTE) cut diversi. Nonostante ciò, a prescindere da quale versione si preferisca tra il Domestic Cut e il Final Cut, Blade Runner è rimasto inossidabile, una Bibbia per gli appassionati del vero cinema e un enorme pilastro dal punto di vista estetico, narrativo, onirico e addirittura politico.

blade2

È possibile allora rendere onore ad un film del genere? Creare una pellicola che possa porsi addirittura come seguito materiale e spirituale di uno dei film più influenti di tutti i tempi? Togliamoci subito il dente, è il momento di dirlo: sì, è possibile, e Blade Runner 2049 è un grandissimo film. A darci questa risposta e a raccogliere il pesante testimone, 35 anni dopo l’originale, è il regista canadese Denis Villeneuve, già conosciuto ai più per gli ottimi Prisoners, Enemy, Sicario e già apprezzato nel campo della fantascienza con il recente Arrival. Ebbene, la scelta coraggiosa ed efficace che il regista compie sin dalle primissime inquadrature è quella di voler omaggiare la pellicola dell’82 ma allo stesso tempo quella di volersene distaccare, andando ad ampliare e ad esplorare altri aspetti del mondo futuristico di Blade Runner. Si cerca di oltrepassare il concetto del “seguito”, ribadendo a gran voce la volontà di non essere un semplice replicante (hehe) dell’originale: i punti di contatto con il primo film ci sono, intendiamoci, e si trovano quasi sempre in quell’Harrison Ford che qui fa più che mai da filo conduttore tra il passato ed il presente, senza però essere il protagonista assoluto della pellicola.

Certo, basta vedere su schermo un paio di scritte giapponesi al neon, di cartelloni luminosi Atari e di Spinner che volano tra il fumo dei palazzi per dipingere sulla faccia di ogni appassionato di vecchia data un sorriso che va da un orecchio all’altro, ma questo nuovo film non sente il bisogno di abusarne facendo leva sulla nostalgia per risultare efficace. Blade Runner 2049 riesce infatti a riprendere l’estetica iconica che conosciamo bene senza allo stesso tempo sembrarne una riproposizione identica, affiancando anzi diversi spunti del film di Scott a rimandi che provengono da altri film di fantascienza più o meno moderni (su tutti, Lei di Spike Jonze). Anche il mondo del “futuro analogico” di Blade Runner, parallelamente al nostro, in effetti è andato avanti di 30 anni, e si vede.

blade-runner-2049-image-8

Per quanto concerne la trama, il regista ha espressamente chiesto alla stampa di rivelare meno particolari possibili e così faremo, anche perché parlarne vuol dire muoversi in un vero e proprio campo minato. Quella che ci troviamo ad ammirare è comunque una storia semplice ma niente affatto scontata, che vede questa volta protagonista il cacciatore K (Ryan Gosling) alle prese con una nuova indagine che lo porterà a scavare sempre più a fondo in un segreto che potrebbe destabilizzare la società, mettendolo allo stesso tempo sulle tracce di un ex-blade runner ormai scomparso, Rick Deckard (Harrison Ford).

Accompagnato da un grande cast tra cui Robin Wright, Jared Leto, Mackenzie Davis e soprattutto la bellissima rivelazione Ana de Armas, a dominare è senza dubbio un Ryan Gosling enorme, che sa ancora una volta bucare lo schermo semplicemente con la sua presenza scenica dall’inizio alla fine della pellicola e che riesce a non farsi mettere in ombra nemmeno da Harrison Ford, anche se anch’egli nella migliore interpretazione degli ultimi anni (anni luce da quell’Han Solo svogliato che abbiamo visto, ahimé, nel seppur ottimo Episodio VII). I due si compensano alla perfezione creando una tacita complicità tra i due personaggi principali, che riescono inoltre a rendere visivamente molto bene l’idea di quella coesistenza di vecchio e di nuovo che questa pellicola, dopotutto, rappresenta.

xfirst-blade-runner-2-footage-has-arrived-50.png.pagespeed.ic.cO8atU97xC

Per quanto riguarda il comparto tecnico, c’è poco da dire: siamo davanti ad uno dei film migliori degli ultimi anni. Forse i 168 minuti di pellicola rendono la visione decisamente ostica ai novizi del genere e potevano essere tagliati qua e là, è vero, ma Villeneuve si dimostra una volta per tutte un grande regista che riesce a gestire con consapevolezza da una parte uno spettacolo sensoriale incredibile e dall’altra una narrazione precisa e inesorabile. Parliamoci chiaro, visivamente Blade Runner 2049 è un film perfetto, da pelle d’oca. Ogni singolo frame della pellicola è un quadro di una bellezza abbacinante e non c’è una sola immagine che non sia curata nei minimi dettagli: il merito va sicuramente alla mano registica di Villeneuve, ma il vero maestro del film è, in questo caso, Roger Deakins. Il direttore della fotografia compie un’impresa titanica, offrendo allo spettatore uno spettro cromatico vastissimo che parte da tinte fredde e colori desaturati, passa per gli ologrammi fluo dai colori brillanti e arriva fino agli arancioni più accesi di un deserto alla Mad Max-Fury Road: è una fotografia fatta tanto di colori e luci quanto di ombre più scure della pece, in una dicotomia che rispecchia molto bene lo spirito della pellicola.

A coronare il tutto è la maestosa colonna sonora: Hans Zimmer e Jóhan Jóhannsson uniscono i bassi potenti di suoni elettronici ad archi gravi per un risultato strabiliante, che nella seconda metà del film richiama a più riprese i temi storici di Vangelis. Obbligatoria quindi la visione al cinema, preferibilmente nella sala con lo schermo più grande e con il sistema audio più potente che riusciate a trovare.

blade-runner-2049

Insomma era facile, facilissimo tirare fuori un seguito senza nulla da dire che sarebbe crollato sotto le troppe aspettative poste dall’originale. Qui, però, di roba da dire ce n’è, e anche tanta: si schiva il rischio di sfornare una pellicola di azione pura, più fruibile al grande pubblico (e forse più in linea con la fantascienza di oggi), in favore di un film introspettivo, quasi d’autore, che riesce ad approfondire l’immaginario del primo film senza però deturparne l’immagine. Il difficilissimo obiettivo che Blade Runner 2049 riesce quindi a centrare è quello di trasmettere un estremo rispetto senza tuttavia rinunciare a una sua narrazione e a una sua estetica: e (se ancora ve lo state chiedendo) no, non è bello quanto l’originale, ma semplicemente perché difficilmente altri film potranno mai avere lo stesso spessore emotivo e filosofico e lo stesso impatto innovativo di Blade Runner. Anche se forse è un po’ prematuro gridare al capolavoro, è innegabile come questo nuovo film sia maestoso, audace, a suo modo complesso, come omaggi il passato e riesca anche a ribadire gli storici interrogativi sull’umanità e l’identità: progresso vuol dire necessariamente andare avanti? Chi è un replicante? Chi è umano? Ma soprattutto, cosa vuol dire essere umano?

Blade Runner 2049 è un film generato dal grembo di una fantascienza del suo tempo, che ha una sua voce e parla con una sua lingua e una sua estetica, diverse ma non per questo incapaci di farci emozionare e stupire come quando guardavamo le luci al neon riflettersi attraverso un parabrezza appannato dalla pioggia. E se quello stupore sia umano o di un replicante, forse stavolta nemmeno il test Voight-Kampff potrà stabilirlo.

blade-runner-2049-v1-527910

Quattro chiacchiere con l’attrice Martina Menichini

940A9042 bn (1)Ci sono interviste e interviste, quella fatta con Martina Menichini è stata interessante, simpatica e piacevole.  

Bella, simpatica e romana. Durante il liceo s’innamora della recitazione frequentando corsi di recitazione, canto e ballo alla Kledy Accademy e inizia l’attività di fotomodella per servizi fotografici di moda e di attrice di fotoromanzi per i giovani. Interpreta alcuni corti come Riflessi di città, Il Bacio, Nereides e lungometraggi come Oltraggio alla Regina. È protagonista del film Nient’altro che noi (2008) del regista Angelo Antonucci. Nel 2009 si diploma all’Accademia di recitazione e doppiaggio di Stefano Jurgens e frequenta il Laboratorio teatrale di Claudio Botosso. Conduce le previsioni del tempo su Sky meteo 24, frequenta l’Accademia di doppiaggio di Teo Bellia (2010) e contemporaneamente migliora le proprie tecniche canore.  Si perfeziona, a Londra nella recitazione inglese diplomandosi al Summer Shakespeare (2011) e all’Actor’s House con Giorgio Albertazzi, Rossella Izzo, Anna Strasberg, Fioretta Mari, Luca Ward, e Antonella Tersigni. Inizia il suo percorso teatrale con “La sotto veste rossa” di Boccancini, fino ad affrontare “L’amante” di Pinter nel ruolo di Sarah.

Ciao Martina, hai iniziato da giovanissima a recitare, quando hai capito che sarebbe diventato l’amore della tua vita?

Beh, ho sempre avuto un amore per l’obiettivo, dalle prime volte che vedevo mio padre con la videocamera, proprio amavo stargli davanti. Diciamo che inconsciamente ho sempre saputo quale sarebbe stato il mio futuro lavoro, poi da più grande, a 15 anni in via del corso una ragazza mi diede un volantino di un’agenzia di moda e da lì ne presi coscienza, mai scelta fu più saggia.

Hai fatto tantissime opere teatrali, quale personaggio ti è rimasto più a cuore?

Il personaggio a cui sono più legata è sicuramente Sarah nello spettacolo di Pinter “L’Amante”. Quando interpreto nuovi personaggi, mi sento sempre in obbligo verso il pubblico, perché noi attori non siamo solo quello che lo spettatore vede sul palco o al cinema, chi conosce l’ambiente sa che prima c’è tutto un allenamento costante e certosino, in cui vengono affinate particolarità del ruolo. A mio parere è proprio questo il bello dell’essere attore. Sicuramente sono aspetti che mi hanno fatto innamorare di questo mestiere, perché noi diventiamo la realtà agli occhi di chi ci guarda.

Cosa farai quest’estate?

Sono stata selezionata per il “Festival Cinemadamare”, che è un festival in circolazione da 15 anni, starò un mese e mezzo fuori per girare vari corti con registi diversi, la cosa bella è che essendo internazionale gireremo completamente in inglese, imparerò anche nuove tecniche di recitazione. In pratica mi farò vacanze e lavoro contemporaneamente, penso non ci sia cosa più bella!

Come definiresti, in una canzone, Martina Menichini?

Tanti mi dicono che quando ci sono io illumino la scena, però a volte sono proiettata al futuro e non mi godo il presente, perché la mia ambizione mi porta sempre a desiderare altro e non vedere quello che ho. Uno dei miei propositi è quello di godermi quello che ho, perché se non ti godi il presente, non potrai diventare quello che desideri di essere.  Quindi dico: “Ci sei tu” di Nek.

Di Andrea Paone

I (VERI) SEGRETI DELLA FONIA IN PRESA DIRETTA

bruno glisberghL’intervista solerte al fonico Bruno Glisbergh che ci racconta la sua esperienza come fonico cinematografico.

Come ben sappiamo, nell’industria cinematografica prefigurano moltissimi ruoli dietro la macchina da presa, ma rivendicano un ruolo primario per il risultato finale. Uno tra questi è il fonico, colui che cura il suono in una determinata fase del prodotto (presa diretta, mixaggio o doppiaggio). Noi di MZK News ci siamo immersi nel fascino dell’improvvisazione, nella purezza del momento della registrazione, attraverso un giovane ragazzo chiamato Bruno Glisbergh, che nei suoi 6 anni di attività ha già incasellato parecchi successi tra programmi TV, documentari e film.

In cosa consiste essenzialmente il tuo lavoro?

“Fonico di presa diretta di cinema e televisione, sono il capo reparto sul set del suono quindi mi occupo della fase di produzione. È un lavoro sicuramente complicato dove si ha un margine di errore molto vicino allo zero, anche perché alcuni rumori esterni non si possono eliminare a differenza della fotografia e quindi è di vitale importanza un sopralluogo iniziale e un’interfaccia diretta con le altre parti. Purtroppo in Italia solo le super-produzioni ti coinvolgono in questa fase per evitare problemi come per esempio trovarsi un cantiere vicino al set”.

Quindi il cantiere è uno degli imprevisti che ti è capitato…

“Il cantiere è dietro l’angolo, appare sempre un frullino poco prima di registrare(ride, ndr). Quelli comunque ci sono sempre, l’importante è provare ad individuarli e cercare una soluzione in tempi rapidi”.

Quali sono invece le soddisfazioni nel tuo mestiere?

“Sicuramente rivedere un tuo film al cinema e vedere che hai fatto un buon lavoro é la più grande soddisfazione. Ora più che mai visto che il cinema è stato invaso dall’uso dei radiomicrofoni, qualitativamente inferiori, per ridurre i tempi di ripresa. Fortunatamente però ci sono ancora quei registi che ti permettono di lavorare anche con il boom”.

Quale strada hai percorso per diventare un fonico?

Ho cominciato con la scuola a Cinecittà nel 2010 dove ho avuto ‘signori’ professori da Tullio Morganti a Gilberto Martinelli che ci hanno insegnato tutto in due anni di frequenza obbligatoria giornaliera! All’inizio abbiamo studiato la teoria, poi al secondo anno la post-produzione e messo in pratica il tutto. Ciò ti fa iniziare la ‘gavetta’ dove si accetta ogni cosa. Poi, piano piano, si alza l’asticella della qualità e di conseguenza di tutto il resto, è pur sempre un lavoro di esperienza, non solo tecnico!”

 

Rettifica della pag. 38 N° 2 Maggio/Giugno 2017 di Luca Vincenzo Fortunato

IT: la prima clip ufficiale del film

Dopo l’uscita del primo trailer ufficiale, che ha polverizzato ogni record di visualizzazioni, in occasione degli MTV Movie Awards la Warner Bros. ha diffuso la prima clip ufficiale del nuovo film di IT.

La clip contiene molte nuove scene inedite, tanto che si potrebbe definire quasi un vero e proprio secondo trailer: eccolo qui!

Nel video, i protagonisti del “Club dei Perdenti” cercano Betty Ripsom, una delle bambine scomparse misteriosamente dalla cittadina di Derry… Inoltratisi nelle fognature, i ragazzini incontreranno Pennywise e i suoi diabolici palloncini rossi.

 

#OutThisWeek – Le novità in sala, 01/05

Le uscite al cinema della prima settimana di Maggio

Siamo arrivati infine alla prima settimana di Maggio: le belle giornate cominciano a farsi vedere sempre di più, ma questo non dev’essere una scusa per lasciarsi scappare i numerosi film in uscita questa settimana!

Andiamoli a scoprire insieme:

DAL 1 MAGGIO:

MARADONAPOLI, diretto da Alessio Maria Federici

Maradonapoli Diego Armando Maradona foto dal film documentario 2_big

A dispetto del titolo, non ci troviamo davanti a un film su Maradona quanto piuttosto a una pellicola che vuole parlare prima di tutto di Napoli, per poi raccontare subito dopo come Napoli abbia vissuto Maradona: il documentario comincia proprio dal 30 giugno 1984, un giorno come tanti in tutto il resto del mondo, ma non a Napoli. Quello è il giorno dell'”avvento” di Maradona.


DAL 3 MAGGIO:

EAST END, diretto da Giuseppe Squillaci e Luca Scanferla

East-End-film-animazione-2017

Cartoon politicamente scorretto tutto in salsa made in Italy, il film racconta la storia di un gruppo di bambini del quartiere East End nella periferia romana, che pur di vedere gratuitamente il derby Lazio-Roma dirottano sullo stadio Olimpico un satellite militare supersegreto che gli Stati Uniti stanno utilizzando nella caccia al terrorista più pericoloso del mondo, il famigerato Al Zabir Muffat. Mondi lontani e diversi che si sfiorano e si intersecano inconsapevolmente, senza però toccarsi mai.


DAL 4 MAGGIO:

MONSTER TRUCKS, diretto da Chris Wedge

w6jhx3ezgwxunkut35ze

Film d’animazione in computer grafica tutto incentrato sui monster truck, i veicoli con le ruotone giganti che hanno affascinato l’infanzia (e non solo) di moltissime persone: protagonista della storia è il liceale Tripp, che dopo aver costruito un monster truck usando vecchi pezzi di auto demolite trova una strana creatura sbucata del sottosuolo dopo alcuni esperimenti di trivellazione del vicinato, con la quale instaurerà un particolare rapporto.


ADORABILE NEMICA (The Last Word), diretto da Mark Pellington

Adorabile_nemica

Harrier è stata una fortunata donna di successo e ora si appresta a passare gli ultimi anni della sua vita: avendo sempre avuto tutto sotto controllo decide quindi di chiedere alla scrittrice Anne Sherman di scrivere in anticipo il suo necrologio.


CODICE UNLOCKED (Unlocked), diretto da Michael Apted

codice-unlocked-36223

Una agente della CIA trasmette per errore alcune importanti informazioni segrete a un gruppo di terroristi che sta progettando un attacco con armi chimiche: partirà per lei una corsa contro il tempo per sventare l’attentato.


GOLD – LA GRANDE TRUFFA (Gold), diretto da Stephen Gaghan

mcconaugey.jpg

Il trasformista Matthew McConaughey è di nuovo quasi irriconoscibile a vestire i panni di Kenny Wells, erede di un importante imprenditore minerario. In pochi anni la fortuna gli volta le spalle e si trova sull’orlo del fallimento: riesce però a raccogliere un’ultima somma di denaro sufficiente per sostenere l’impresa del geologo Michael Acosta, che sembra aver scoperto nella inesplorata giungla indonesiana uno dei più grandi giacimenti auriferi del mondo…


IL MONDO DI MEZZO, diretto da Massimo Scaglione

il_mondo_di_mezzo_massimo_bonetti_matteo_branciamore2.png

Gaetano Mariotti, imprenditore dell’edilizia romana, è uomo ambizioso, che nutre il desiderio di condurre suo figlio Tommaso sulle sue stesse orme. Sarà la prematura morte del padre a catapultarlo, suo malgrado, alla guida dell’impero, ma la sua stessa avidità lo porterà a compiere alcuni irreparabili errori.


INSOSPETTABILI SOSPETTI (Going in Style), diretto da Zach Braff

insospettabili-sospetti-trailer-del-nuovo-film-zach-braff-v3-280239-1280x720

Diretto dal J.D. di Scrubs, nuovamente alla regia, il film vede tre amici di vecchia data decidere di dare una scossa alle proprie vite da pensionati: dopo cheo la banca utilizza il loro fondo pensione per coprire un’assicurazione aziendale, i tre se la rischiano tutta, decidendo di rapinare proprio la banca che li ha defraudati.


MEXICO! UN CINEMA ALLA RISCOSSA, diretto da Michele Rho

66419_ppl

Un dipinto della storia del cinema Mexico, una delle pochissime sale mono-schermo ancora attive a Milano, e quella di Antonio Sancassani, che la gestisce da 30 anni in totale indipendenza e curandone ogni singolo aspetto.


THE SPACE BETWEEN, diretto da Ruth Borgobello

1465991061301

La storia d’amore tra Marco, ex-chef italiano colto in un momento di grande perdita e Olivia, giovane australiana in Italia per ritrovare le radici dimenticate e trasformare la sua vita.


MISS SLOANE, diretto da John Madden

hero_Miss-Sloane-2016

Elizabeth Sloane (Jessica Chastain) è una lobbista straordinaria, la più ricercata a Washington. Ha sempre fatto qualsiasi cosa per vincere, e la sua astuzia l’ha resa celebre: quando deve affrontare l’avversario più potente della sua carriera, però, scopre che la vittoria può costare un prezzo troppo alto.


SASHA E IL POLO NORD ( Tout est haut du monde), diretto da Rémi Chayé

sasha-e-il-polo-nord-1-1600x667

Sasha, una giovanissima aristocratica russa alla fine del XIX secolo, sogna il Grande Nord  e vuole seguire le orme di Oloukine, suo nonno, un rinomato scienziato ed esploratore dell’Artico. Quando l’uomo non fa ritorno dall’ultima esplorazione, Sasha si ribella alle nozze già predestinate dai genitori e decide di raggiungere Oloukine verso il Grande Nord.


SOLE, CUORE, AMORE, diretto da Daniele Vicari

sole-cuore-amore-se-lavorare-non-rende-liberi-2760807850[3986]x[1658]780x325

Ogni mattina Eli si sveglia prima che faccia giorno e affronta una traversata di due ore a bordo di pullman, metropolitane e autobus per raggiungere il posto di lavoro. Fa la barista in zona Tuscolana a Roma: ha un marito che non riesce a ricoprire un incarico serio e quattro figli da mantenere , ma riesce comunque a non farsi mancare i sogni di un futuro più semplice e più stabile.


TANNA, diretto da Mungau Dain e Bentley Dean

sic30tanna04

In una società tribale del Pacifico meridionale, una ragazza, Wawa, si innamora di Dain, il nipote del capo tribù. Quando una guerra fra gruppi rivali si inasprisce, a sua insaputa Wawa viene promessa in sposa ad un altro uomo come parte di un accordo di pace, e così i due innamorati fuggono, rifiutando il destino già scelto per la ragazza.


UNA GITA A ROMA, diretto da Karin Proia

una_gita_a_roma

Francesco ha 9 anni e una grande passione per l’arte piuttosto insolita per la sua età: insieme alla sua sorellina Maria, di 5 anni, da una cittadina di provincia arriva a Roma in gita con la mamma. I due si ritroveranno coinvolti in una serie di avventure, a volte piacevoli e a volte meno, lungo un tragitto che fa loro scoprire una grande metropoli e un incredibile universo di personaggi, luoghi sconosciuti e situazioni inattese.

Alla prossima settimana!

Ad Amatrice si torna al cinema

cinema-pellicola-535x300Il cinema è la fabbrica dei sogni e spesso di sognare ce n’è proprio un gran bisogno. È questo il caso degli abitanti di Amatrice, cittadina distrutta dallo sciame sismico degli ultimi mesi, che grazie al cinema potranno tornare a sognare per qualche oretta, distraendosi dai grandi problemi quotidiani e dalla grande paura del terremoto.

Grazie ad un’iniziativa del MiBACT e di ANICA, è stata allestita ad Amatrice una sala cinematografica temporanea. La struttura, situata presso il Palazzetto dello Sport con una disponibilità di circa cento posti, è stata presentata dal Ministro dei Beni Culturali e Turismo, Dario Franceschini e dal presidente ANICA Francesco Rutelli, insieme al sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, proprio in questi giorni. Presente all’evento anche Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema, l’azienda che insieme a 01 distribution donerà le pellicole che verranno trasmesse a partire da questo sabato, anche se sono state già molte le altre distribuzioni che si sono mostrate disponibili ad approvare quest’iniziativa ed è quindi possibile che a breve questa piccola sala avrà una varietà di offerta simile a quella dei multisala.

Inoltre SIAE e Centro Sperimentale di Cinematografia hanno contribuito a formare due giovani del luogo come proiezionisti, garantendo loro un vero e proprio salario per esercitare tale attività.

Il tutto in attesa che i cittadini di Amatrice possano finalmente rialzarsi completamente e tornare a sognare un futuro roseo non solo per la durata di un film, ma durante tutta la giornata.

Il mostruoso e multiforme IT sta per tornare

it-movie-2017-pennywise-bill-skarsgardUna delle fobie che quasi tutti i bambini hanno la prima volta che entrano in un circo riguarda i pagliacci. Quei pupazzoni truccati e tutti colorati, col nasone rosso e le parrucche cotonate, con una voce buffa ed altrettanto inquietante, devo dirvi la verità, neanche a me sono mai piaciuti.

La colpa l’ho sempre data a Stephen King e a Tommy Lee Jones, i papà, rispettivamente letterario e cinematografico, di quel pagliaccio inquietante di nome Pennywise. Bene, in questo 2017 il regista Andres Muschietti è pronto a farci tremare di nuovo riportando sul grande schermo quel maledetto pagliaccio e tutte le altre mostruose trasformazioni di IT.

Il ritorno nelle sale americane è programmato per l’8 settembre, ma già il trailer sta facendo scaldare gli animi dei fan.
Ricordiamo che il romanzo originale di King si incentra sulle vicende legate a sette bambini – noti come “I Perdenti” – che si trovano a dover affrontare IT, mostro mutante incarnazione del male che il più delle volte appare nelle sembianze di un clown spaventoso: Pennywise. Nella nuova pellicola nei panni di IT ci sarà Bill Skarsgard che prenderà il posto di Tim Curry ed il progetto sarà diviso in due parti: una incentrata sulle vicende dei protagonisti da bambini e una incentrata sulle vicende dei protagonisti da adulti.

Che dirvi di più? Vi lascio al trailer, io sono già spaventato…