GHALI

0O8A4373
di Alessio Boccali

“Quanta ragione aveva chi diceva che il secondo album è difficile. Ci ho messo tutto me stesso. Buon DNA!”

A distanza di tre anni dal primo album in studio, Ghali è tornato e l’ha fatto in grande stile con “DNA”. Un album personale, orecchiabile e allo stesso tempo di spessore. Un disco che andrebbe fatto ascoltare a razzisti e ignoranti con modalità simili a quelle della cura Ludovico in “Arancia Meccanica”.

Ciao Ghali, come stai? Partiamo subito dal titolo del tuo nuovo album “DNA”, mi piace questa tua idea di appartenenza al mondo e alla tua identità. Non è uno estraniarsi dal contesto, ma un rimanerci attaccato affermando la propria identità. Quanto è difficile da trasmettere in musica tutto ciò?
Ciao! Sono passati tre anni dall’ultima volta che mi sono sentito così. Ho intitolato il mio nuovo album “DNA” perché rappresenta il mio DNA, il mio essere, più che mai questa volta. Dopo aver viaggiato ed essere stato influenzato da vari produttori e artisti internazionali ho ascoltato tanta musica in questi ultimi mesi. Ho pensato e viaggiato davvero tanto e non solo fisicamente; alla fine ho riportato a Milano con me tutto il “materiale” e assieme al mio team abbiamo lavorato a questo nuovo disco, che veramente rappresenta la mia persona oggi come non è mai successo. È il secondo album. Rispetto al primo c’è più consapevolezza: affronto argomenti e li tratto in una maniera diversa, mi metto ancora più a nudo secondo me, ci sono delle canzoni che prima magari non avrei mai fatto. C’è proprio questa voglia di cantare, c’è una ricerca. E ci sono dei sassolini che mi sono tolto dalle scarpe. Diciamo che è il “next step”.

Giochiamo sul titolo di un pezzo del tuo nuovo album, “Flashback”, e quindi facciamo un salto indietro. Proprio forse agli inizi di quella che è ormai, purtroppo, un’escalation di razzismo e di paura nel nostro paese, tu, nato a Milano da genitori tunisini, sei diventato uno dei cantanti più ascoltati. Una bella “botta” per tutti i seminatori d’odio degli anni nostri sottolineata ai tempi anche da Roberto Saviano. Come ti sentivi in quei giorni e cosa senti oggi, come allora, di dover comunicare con la tua musica? Sei consapevole di fare e aver fatto “politica” – intesa come interpretazione della società – con la tua musica?
Io penso di essere politico sempre in modo involontario. La mia visione della politica è ingenua non sono sicuramente uno che ne sa. Dove sono cresciuto io la politica non arrivava, non si occupava dei nostri problemi. Se faccio politica con la mia musica non è mai in modo ideologico, racconto solo delle cose che mi sono successe.

DNA_cover

Ghali ha creato un modo tutto suo di fare musica partendo dal rap. Non hai bisogno di fare il gangsta, sei un essere umano con le sue fragilità e ciò ti piace. Sei il supereroe di cui la musica italiana, e più in specifico il rap, aveva bisogno?
Io mi ispiro a Michael Jackson e a Stromae. Non penso di essermi inventato qualcosa, penso solo di essere molto fedele a quello che sono. Dato che siamo tutti diversi questo ci rende in un certo senso tutti unici. Mi piacerebbe essere un supereroe, ma in realtà sono felice di essere solo Ghali.
Dalla tua esibizione aperta dalla “finta caduta” sul palco dell’Ariston, ma anche dai primi singoli usciti, ho trovato un Ghali teatrale, non solo in grado di creare uno show come era in passato, ma soprattutto volenteroso di crearlo; oggi più che mai è evidente questa volontà di costruire un grande immaginario intorno a te e di riempirlo di significati?
Avevo un po’ di ansia prima di salire sul palco di Sanremo, però il feedback è stato mega positivo, la gente era felice e quello che avevamo in mente è riuscito. Penso che sia andata bene, la mia intenzione è quella di portare questo format “teatrale” già l’8, il 9 e il 10 maggio al Fabrique. Le tre date in una sola location sicuramente mi aiuteranno a creare una tipologia di show diverso: il fatto che sia fermo in uno stesso posto mi aiuterà tantissimo, poi capirete perché. Non mancheranno tutte quelle atmosfere viste nei precedenti spettacoli: il cinema, la moda, le luci… sarà sensazionale. Tutto questo, sì, mi aiuta ad “ampliare” i pezzi sul palco riempiendoli di significati.

0O8A4757 logo
Tutto ciò ti porterà a sperimentare senza più paura di cadere (per davvero)? Hai raggiunto una nuova consapevolezza/maturità?
Sicuramente sì, questo è il mio disco più maturo perché anch’io ora sono più maturo. Sto facendo piccoli passi, caderne ne fa parte, ma sento di essere davvero cresciuto rispetto ai miei lavori precedenti, senza rinnegarli naturalmente.

VINCI “SALMO” CON MUSICAZERO

PARTECIPA AL CONTEST E VINCI SUBITO 2 BIGLIETTI PER IL CONCERTO DI “SALMO” A ROMA IL 16 DICEMBRE PRESSO IL PALALOTTOMATICA!

VINCI SALMO CON MUSICAZERO Km.jpg

RISPONDI CORRETTAMENTE A QUESTA DOMANDA:

PER QUALE GRANDE ARTISTA SALMO E’ STATO IL REGISTA DI UN VIDEOCLIP?

 

Il 12 dicembre tramite un estrazione dichiareremo il vincitore, rispondendo così alla vostra email. I 2 biglietti potranno essere ritirati presso la redazione di Musica ZeroKm in via Emilia 82, Roma.

Hellvisback tour, Salmo chiude a Padova una tournée interazionale

unnamed

Il successo ottenuto durante l’anno appena trascorso non gli è bastato, così come non gli son bastate le oltre cinquanta tappe in tutta Italia, chiuse nell’ultimo dicembre con due concertoni sold out ed oltre 6000 persone chiamate a battere le mani, al Fabrique di Milano.

Maurizio Pisciottu, meglio conosciuto come Salmo, ha deciso di spingersi oltre. Allora cosa c’è di meglio di una tournée che, ascoltate bene, partirà in primavera da Madrid, passerà poi per Barcellona, Parigi, Dublino, Londra, Berlino, Bruxelles, Amsterdam, Salonicco e si concluderà in Italia nel mese di maggio, con ultima tappa Padova, appunto.

Con oltre 40 milioni di visualizzazioni collezionate sul suo canale youtube ufficiale, l’artista rap fra quelli che hanno venduto di più nello scorso anno solare tornerà quindi, e finalmente, per tutti i suoi fan, ad esibirsi live. Sarà il gran teatro Geox, il 14 maggio prossimo, ad ospitare la tappa conclusiva di un’ennesima sfida che si preannuncia però già vincente, dati alla mano.

Salmo, che è riuscito a distinguersi anche per le sue doti regisitiche e di videomaker, fa parte anche del cast di Nuraghes S’Arena, un cortometraggio scritto e diretto da Mauro Aragoni. Un fantasy visionario, insomma, con sfumature horror, che prende ispirazione da un’antica civiltà esistita realmente in Sardegna, terra natia per Maurizio.

Scelto per dirigere il video di “Sabato” (Jovanotti), Salmo annunciò, nel 2014, l’uscita dell’etichetta “Tanta Roba“, per iniziare quindi il suo nuovo progetto discografico in “Machete Empire“; nello stesso periodo, inoltre, decise di fondare la “Lebonski Agency”, società di booking e management. Un tutto fare, un imprenditore di sé.

E’ infatti abbastanza corretto dire che Salmo sia stato e continua ad essere un personaggio abbastanza sui generis, e che abbia anche un non so che di rivoluzionario in ambito musicale. Lo testimonia, ad esempio, il fatto che abbia arricchito la scena rap italiana, cambiandone a volte i connotati di genere, introducendovi elementi di elettronica e rap hardcore come si erano raramente visti dalle nostre parti. Staremo a guardare quello che sarà in grado di fare durante il prossimo tour, intanto in bocca al lupo e sempre in alto l’amore e la passione per quello che fai, perché come Salmo saprà bene (così si dice dalle parti sue): “homine fattu cum dinari, non balet a nudda“.