Ciak! Tu che hai visto?

collateral-beauty-will-smith.jpg

Benvenuti nella nuova rubrica di MzkNews, dedicata al mondo del cinema. Ogni lunedì verranno analizzati i maggiori incassi della settimana, con un occhio di riguardo per i primi cinque film in classifica.

Nella settimana che va dal 9 al 15 gennaio, troviamo al primo posto il film Collateral Beauty,  che vede protagonista Will Smith diretto da David Frankel.  La pellicola porta a casa un incasso di 2.825.446 euro e 542.551 presenze in sala. Sinossi:  Dopo una delusione personale, un dirigente di New York decide di vivere senza più l’entusiasmo che aveva prima. Per aiutarlo a tornare come prima, gli amici penseranno ad un piano, costringendolo a confrontarsi con la verità con modi sorprendenti.

Medaglia d’argento per Sing, film d’animazione diretto da Lorenzo Palmas. La pellicola si piazza al secondo posto con 1.992.755 di euro incassati e 405.796 di presenze. Sinossi: Protagonista è il koala Buster Moon, che per salvare il suo teatro decide di organizzare una gara canora per raccogliere i soldi necessari. Allo speciale evento decideranno di partecipare diversi personaggi, ognuno con la sua particolarità:  Meeena, un’elefantessa che è terrorizzata dal palco, Jhonny, un gorilla che vuole cantare ma ha un padre rapinatore, e Mike, un topo con gli atteggiamenti di Frank Sinatra.

Sul gradino più basso del podio troviamo Mister Felicità, film diretto da Alessandro Siani, interpretato dallo stesso regista, Diego Abatantuono e Carla Signoris. La pellicola guadagna 1.890.805 euro e 441.470 presenze settimanali. Sinossi: Martino è uno sfaticato che, dopo l’incidente della sorella Caterina, prende il suo posto come uomo delle pulizie presso il Dottor Gioia. Quando il professore si assenta, Martino prende la sua identità, finendo per prendere in cura Arianna, famosa campionessa di pattinaggio. Tra i due si instaura subito un grande rapporto, ma loro storia d’amore si intreccierà con la crisi della mamma dell’atleta e con il Dottori Gioia, che si scoprirà essere il padre della ragazza.

Al quarto posto della classifica troviamo Allied, un’ombra nascosta, film diretto da Robert Zemeckis con protagonisti Brad Pitt e Marion Cotillard. L’incasso è di 1.861.521 euro e un numero di presenze in sala  pari a 270.867. Sinossi: La storia, che si svolge sullo sfondo della seconda guerra mondiale, racconta le vicende di Max Vatan e Marianne Beausejour, due spie in missione a Casablanca per uccidere un ambasciatore tedesco. Tra i due nasce subito un’intensa storia d’amore, che si interromperà  quando Max scoprirà un segreto terribile sulla moglie.

Al quinto posto del Box Office si piazza Assassin’s Creed, film diretto da Justin Kurzel con Michael Fassbender nei panni dell’assassino Callum Lynch. La pellicola incasssa 1.647.756 euro totali e registra 331.740 presenze. Sinossi: Grazie ad una nuova tecnologia , Callum Lynch rivive le avventure di Aguilar,  scoprendo di discendere da una società segreta chiamata gli Assassini. Dopo aver imparato abilità incredibili, Callum si confronterà con una potente organizzazione criminale dei nostri tempi.

Di seguito la classifica completa:

1-Collateral Beauty: € 2.825.446

2-Sing: € 1.992.755

3- Mister Felicità: € 1.890.805

4-Allied-Un’ombra nascosta: € 1.861.521

5- Assasin’s Creed: € 1.647.756

6-Oceania: € 1.017.452

7-Passengers: € 808.546

8-The Founder: € 741.735

9-Silence: € 725.190

10- Il GGG-Il Grande Gigante Gentile: € 641.628

 

Sing, cartone ironico con questioni da “Grandi”

È semplicemente “Sing” il titolo dell’ultimo film d’animazione della Universal diretto da Garth Jennings e la cui uscita nelle sale italiane è prevista per il 4 gennaio 2017.

“Sing” è ironico, fa sorridere e anche riflettere attraverso le storie dei personaggi che si trovano ad aver a che fare con questioni “da grandi” e gli permettono così di poter essere apprezzato da un pubblico di tutte le età. La dinamica del talent show, che fa da motore alla trama, è molto semplice, così come il titolo: un concorso canoro al quale partecipare per vincere una somma in denaro. Concorso indetto dal koala Buster Moon che spera, con questo, di trovare respiro dopo numerosi fallimenti e di non dover vendere il teatro che gli è stato faticosamente comprato dal padre con anni di duro lavoro. Buster è un ottimista, ma le cose non vanno affatto bene.56806_ppl

Fa fatica a radunare la squadra con la quale organizzare lo spettacolo e i creditori bussano in continuazione alla porta del suo ufficio. Gli eventi negativi si alternano a piacevoli momenti di coreografie e canzoni fino ad arrivare ad un punto di non ritorno che porteranno lo stesso koala a dire “basta, è finita”. Ma proprio in quel momento, supportato dai concorrenti del talent, ormai divenuti un gruppo di amici che non pensa più al premio finale ma allo spettacolo come un’occasione di riscatto, Buster trova la forza di rialzarsi. E lo spettacolo, finalmente, va in scena. Vincente è la forte caratterizzazione di ogni personaggio, dai comportamenti stereotipati ma non troppo. Mike deve trovare il coraggio di dire a suo padre che vuole fare il cantante, un gorilla che invece vorrebbe il figlio in una gang formata da bestioni che si beffano della legge. Rosita è una casalinga frustrata con ben 25 bambini, indispensabile per le faccende domestiche ma scarsamente considerata come madre e moglie. Eddie, il miglior amico di Buster, è un adolescente benestante e svogliato che viene mandato dai suoi a vivere nella dépendance perché diventi più “indipendente”. Il corso degli eventi metterà tutti loro a dura prova, con molteplici finali a sorpresa.

Recensione di Silvia Macchioni