Deborah Iurato, perdersi per ritrovarsi e affermarsi come donna e come artista

Di Alessio Boccali

Deborah Iurato 01

Dopo tanta gavetta (televisiva e non) e la riscoperta del proprio essere artista attraverso una svolta stilistica emotiva e personale, Deborah Iurato è tornata con il singolo “Ma cosa vuoi?”. Grazie a questo brano la cantautrice di Ragusa ha scoperto il gusto di “perdersi per ritrovarsi”, di “non cercare a tutti i costi di liberarsi dal peso delle cose quando invece basterebbe solo seguire il ritmo giusto per vibrare”.
Proprio qualche giorno fa ho scambiato quattro chiacchiare con Deborah…

Ciao Deborah, innanzitutto, come nasce “Ma cosa vuoi?” e cosa significa questa nuova uscita per te?

Ciao! “Ma cosa vuoi?“  nasce in un momento particolare per tutti noi. Durante il lockdown ho iniziato a scrivere le mie canzoni e ho avuto modo di focalizzarmi a pieno sul mio progetto cantautorale: raccontando e raccontandomi con semplicità. Nel nuovo singolo parlo del conflitto tra uomo e donna, un vero e proprio tira e molla in cui anche chi ascolta si può rispecchiare. Mi piace pensare che nonostante i conflitti quotidiani quando si è davanti ad un vero sentimento tutto si superi.

C’è una nuova Deborah desiderosa di voltare pagina ora?

Era giunto il momento di una svolta stilistica, ne sentivo il bisogno e questo nuovo lavoro nasce in un momento molto particolare. In questo lungo periodo ho cercato e ricercato me stessa, provavo a scrivere qualcosa che mi appartenesse e sentivo il bisogno di trovare la mia dimensione dimenticandomi di tutto il resto.

Ti è mai capitato di sentire così tanto la pressione da parte di un qualsiasi ente esterno da arrivare a dire davvero “Ma cosa vuoi?” per affermare la tua libertà artistica?

A volte sì! Oggi scrivendo ho trovato serenità, ho cercato di seguire le mie emozioni durante la scrittura, e non c’è mai un momento specifico in cui “decido” di scrivere una canzone; ogni pezzo è frutto di un insieme di pensieri che racchiudono periodi della mia vita.

Deborah Iurato 02

Il sound di questo brano è molto radiofonico; hai dovuto trattenere un po’ la tua potenza vocale per adattarti al pezzo o sbaglio? Nel caso, sarebbe un segno di grande versatilità…

Sto sperimentando molto su me stessa e sul sound dei pezzi. Questo nuovo progetto è nato per caso, e non per l’esigenza specifica di rispondere al mood del mercato musicale attuale. Sto acquisendo una maggiore consapevolezza di me stessa come donna, e di conseguenza del mio essere artista, e vorrei che questo arrivasse al pubblico nella maniera più spontanea.

In parte del tuo cammino artistico ha avuto molta importanza la TV; in cosa pensi ti abbia fatto crescere maggiormente l’occhio della telecamera?

Sicuramente mi ha fatto crescere e prendere coscienza della donna che sono. Mi ha insegnato ad essere sempre me stessa.

iurato

Hai una fanbase davvero molto nutrita; sei riuscita a mantenere un contatto con la tua “gente” anche durante questo periodo di lockdown e se sì come?

Assolutamente sì! Amo follemente le persone che mi seguono e vedere i loro sorrisi mi riempie sempre il cuore di gioia. Fortunatamente oggi abbiamo strumenti come i social network che ci permettono di stare vicini anche se lontani. Instagram durante il lockdown è stato il miglior mezzo di comunicazione che ci ha permesso di non sentirci soli.

Capitolo progetti futuri: immagino che il ritorno al live sia la cosa che aspetti con più trepidazione, oltre a questo, ci sono nuovi singoli o un album a bollire in pentola?

Spero presto di tornare su un palco e cantare… Quello che sono adesso lo devo al mio impegno e alla carica che mi danno tutte le persone che mi seguono, spero che questo in futuro non cambi mai. Sto lavorando molto al mio nuovo progetto e tutto sta nascendo pian piano come fosse un puzzle. Sto cercando di raccontare con semplicità tutto ciò che vivo quotidianamente facendo sì che vengano fuori tutte le sfaccettature del mio essere.

Giulia Molino, una scugnizza fragile e passionale

Di Alessio Boccali

Immagine

Vivere tante belle emozioni durante un periodo universalmente triste non è mai facile. Giulia Molino, cantautrice e finalista nell’ultima edizione di “Amici di Maria De Filippi”, sta vivendo il suo successo in un turbinio di emozioni, ma in mezzo a questo caos, la sua anima da scugnizza fragile e passionale è riuscita poco tempo fa a dar vita a un bel brano omaggio al personale sanitario – composto da “eroi” che son prima di tutto “persone” -, che segue il suo album “Va tutto bene”, un lavoro tra il pop e il rap che ben la rappresenta. Ci siamo sentiti pochi giorni fa e questo è quello che è emerso dalla nostra chiacchierata:

Ciao Giulia, innanzitutto come stai?

Ciao Alessio! Sto bene, sono anche rientrata a casa mia da un paio di settimane, quindi ora posso dirti che, finalmente, va tutto bene.

Partiamo dal tuo ultimo singolo “Camice Bianco”: una dedica al personale sanitario che lotta tutti i giorni per la nostra salute e che in questo periodo è stato messo ancor più a dura prova dal coronavirus. Parli di loro come di eroi, ma anche e soprattutto come di persone…

Ho vissuto un periodo di grande angoscia. Durante il lockdown, nei due mesi in cui la pandemia si è fatta sentire con più forza, ero “protetta” dallo stare all’interno del programma “Amici”, ero quindi come schermata dalla realtà. Ricevevo notizie, sentivo i miei parenti, ma non vivevo la quotidianità. Una volta finito il programma, ho vissuto a Roma un paio di mesi e mi sono resa conto che davvero c’era stato un problema molto grande che non avevo vissuto appieno. In quei momenti ho visto e sentito addosso tutte quelle angosce che gli altri già stavano sopportando da tempo. Ho iniziato allora a documentarmi su com’era la situazione dal punto di vista sanitario e, durante le ricerche, mi sono imbattuta nell’intervista a un medico, il quale lamentava la mancanza di posti negli ospedali e affermava piangendo che, nonostante il grande impegno di tutto il mondo della medicina, questo virus stava portando via tantissime persone. In maniera particolare mi ha colpito la parte di quest’intervista nella quale il medico diceva che la domanda che riceva più spesso era “Quanto tempo mi rimane?”. A quel punto ho stoppato il video perché mi erano venuti i brividi. Quella domanda lì, però, me l’ero appuntata; mi ha fatto da subito pensare all’enorme fatica emotiva, oltre che fisica, alla quale sono sottoposti medici, infermieri e soccorritori. Da lì è nata “Camice Bianco”.

Il tuo album si intitola “Va tutto bene”, un’espressione che, soprattutto in momenti come questi, può fungere da incoraggiamento a tante persone, ma che spesso nasconde anche delle bugie. Che significato ha avuto nella tua vita questa espressione?

“Va tutto bene” è una frase che mi sono ritrovata a dire tante volte nella vita, anche quando ho fatto finta di star bene, ma non era così. Naturalmente, e per fortuna, ci sono tanti momenti in cui realmente stai bene e vivi la vita alla grande, ti senti al sicuro, al posto giusto nel momento giusto. Per questo mi ci ritrovo a 360° in questa espressione. Non mi è dispiaciuto, poi, che in questo periodo drammatico il mio “Va tutto bene” sia diventato per tante persone, che mi hanno anche contattata sui social, un incoraggiamento. Mi piace l’idea di essere riuscita ad abbracciare e a consolare tante persone con la mia musica.

A proposito di social e di seguito. Hai una fanbase di tutto rispetto che chiami “Scugnizzi”; ora non hai l’opportunità di incontrarli nei live o negli instore, però grazie al web riesci comunque a star loro vicina… come la vivi questa che comunque è una responsabilità?

All’inizio non era facile perché non ero abituata. Poi ho capito che se nella vita voglio fare musica e trasmettere dei messaggi è giusto che mi prenda tutte le responsabilità del caso. È capitato che alcuni ragazzi mi abbiano raccontato aspetti molto privati della loro vita e io non mi sia sentita all’altezza; mi vedono come un punto di riferimento, ma io sono la prima ad essere una persona fragile. Da “Amici”, però, ho imparato a credere un po’ di più in me stessa, e vedere che tante persone mi vedono come una persona forte con la quale confidarsi è una bella sensazione. Poi certo, non vedo l’ora di vederli e abbracciarli portando in giro la mia musica. “Chell’ è tutta ‘n’ata cosa…” e già da luglio potrebbero esserci delle sorprese…

dfdfd

In tutti i testi dell’album c’è un TU al quale ti rivolgi. Ti sei mai sentita in dovere di dimostrare qualcosa a un qualsivoglia TU?

Più che un dovere, ho sentito forte il bisogno di liberarmi da tante cose. Una necessità tutta mia di parlare e di condividere delle emozioni che quel TU, bene o male che sia andato il rapporto con lui, mi ha fatto maturare. Scriverne, cantarne, mi ha fatto tanto bene.

Come dicevi prima, non è mai facile dire “Va tutto bene”. A tal proposito volevo parlare un po’ del tuo brano “Nietzsche”, un flusso di coscienza nel quale spieghi, appunto, quante volte è stato difficile dire che andava tutto bene…

Inizialmente ho pensato che questo brano potesse quasi stonare con il disco, però poi ho capito che non è così. Da quando mi sono aperta di più con il pubblico, ho ammesso che c’è una fragilità di base in me. Ho quindi voluto presentare me stessa al 100%, parlando a chi mi sta accanto e a chi mi ascolta con estrema sincerità. Sono molto emotiva, nella vita e di conseguenza nella musica, mi ha sempre contraddistinto la passionalità, il coinvolgimento con cui vivo ogni emozione.

Nella tua musica c’è una forte impronta rap che riesci a mixare bene al pop. Da dove nasce questo incontro?

Fortunatamente con la musica non è mai impossibile creare tantissimi incroci di generi; quello che sto cercando di fare è proprio unire i miei studi pop, R’n’B, soul che da sempre mettono in luce la mia passionalità, alla forza e alla schiettezza che riesco a dimostrare quando faccio rap. L’obiettivo che ho ben chiaro nella mente è preservare e alimentare continuamente una forza comunicativa. Spero di riuscirci sempre.

Parlando di passionalità, non possiamo non citare la tua amata terra. Sei nata a Torre Del Greco, hai vissuto tra Scafati e Napoli, insomma in te scorre sangue campano e questo si sente anche nella tua musica…

Sì, lo sento tutto il calore della mia terra e me lo porto sempre sul palco e quando scrivo. Ad “Amici” ho avuto l’onore di cantare pezzi della tradizione partenopea ed è stato molto emozionante. Sono molto fiera delle mie origini, è un regalo grandissimo per me l’essere figlia del Sud e del suo patrimonio artistico.

Ah, se possibile volevo aggiungere un ringraziamento speciale a tutti coloro che mi supportano e, in particolare, alla mia grande famiglia di Isola degli Artisti e a Carlo Avarello, il mio produttore, ma per me anche un padre, un fratello, un confidente e un grande amico.

 

Manuel Aspidi: “Let out this light? Mi sono sentito onorato, ma con una responsabilità non indifferente”

 Di Francesco Nuccitelli

MANUEL_ASPIDI_VIDEO_2

Un progetto dal sapore internazionale e che arriva dopo anni di gavetta conditi da diverse partecipazioni televisive attraverso due talent (Amici e The Voice). Manuel Aspidi, nella sua grande umiltà è pronto per il salto di qualità e il suo “Libero (I’m free)” è la dimostrazione di una crescita costante, di una consapevolezza sempre maggiore e con uno sguardo all’estero. Lo abbiamo raggiunto per una piacevole chiacchierata, tra i grandi risultati in termini di views, la collaborazione con i Dire Straits e il tour che partirà a gennaio:

“Let out this light” è il tuo ultimo singolo internazionale. Cosa ci puoi raccontare di questo brano?

Questo brano è stato scritto da Julian Hilton, uno degli autori di Robbie Williams e collaboratore di Trevor Horn. Con Hilton ci siamo conosciuti a Roma, durante una cena dove ero con la mia produzione e dove era presente anche lui. Nel corso della serata ci siamo messi a parlare di musica e del mio percorso artistico, così ho chiesto ad Hilton se, una volta rientrato a Londra mi avrebbe potuto inviare qualcosa da ascoltare. Qualche giorno dopo mi sono arrivati i brani “Un angelo per me”, che ho subito inserito all’interno del disco e poi “Let out this light”. Quest’ultimo è un brano che per anni è rimasto nel cassetto e Julian ha voluto che lo interpretassi per questo progetto. Lì mi sono sentito onorato, ma con una responsabilità non indifferente. Siamo tutti felicissimi per il risultato finale, che fortunatamente sta avendo molto successo anche all’estero.

Invece, del progetto intero che prende il titolo di “Libero (I’m free)” e che vede grandi collaborazioni al suo interno cosa ci puoi dire?

Il disco è stato prodotto dai “Dire Straits” Phil e Alan (Phil Palmer e Alan Clark ndr) che si sono messi al lavoro con tanto amore e rispetto nei miei confronti. Veramente una cosa incredibile. Un lavoro enorme per far sì che il progetto girasse nel modo migliore possibile. L’album è stato scritto praticamente da loro tre (Palmer, Clark e Hilton ndr) e anche da Numa Palmer, la mia direttrice artistica che ha coordinato e realizzato tutto. Anche perché i brani ci arrivavano in lingua e noi non dovevamo solo tradurli, ma in alcuni casi riscriverli del tutto e adattarli alle tematiche scelte. Come è successo per “Un angelo per me” che ho dedicato a mia nonna o proprio del brano “Libero (I’m free)” che apre questo progetto.

Più di due milione di visualizzazioni su Youtube, ottimi risultati anche in streaming su spotify e nelle classifiche americane. Ti aspettavi un risultato del genere?

A distanza di diversi anni (dall’edizione di Amici del 2006) vedere un riscontro così grande, positivo e immenso, mi ha un po’ scombussolato. Questo grande successo all’estero mi ha meravigliato, comunque in Italia ho la mia fan base che mi sostiene da molto tempo. Però devo ammetterlo, il successo all’estero mi ha lasciato interdetto. Mi sento un pesce fuor d’acqua.

Amici del 2006, The Voice del 2016, quanto sono state importanti questi talent per diventare il Manuel Aspidi di oggi?

Amici 2006 è stato il mio trampolino di lancio, quello che mi ha permesso di muovere i veri passi nel mondo della musica e farmi conoscere al grande pubblico. Poi il programma è un’arma da guerra. Ogni cosa che tocca Maria (De Filippi ndr) fa successo. Quell’anno ricordo che fu un successo enorme, il più seguito e andò benissimo. La visibilità è stata tanta e a livello di esposizione siamo stati veramente fortunati. Poi dopo amici c’è stato tutto un percorso che avviene grazie all’esperienza televisiva. Naturalmente arriva poi un momento della tua vita dove devi anche capire cosa fare. Io come ogni artista sono un po’ folle e mi sono detto: “perché non riprovare l’onda d’urto del talent?” Così ho deciso di partecipare a The Voice Of Italy 2016. Quella è stata un’esperienza totalmente diversa da Amici, però è comunque un talent che ti scombussola e ti reindirizza verso un percorso preciso.

Per il tuo timbro vocale e per la tua personalità preferisci cantare in italiano o in inglese?

Io amo cantare in italiano perché sono molto patriottico, amo l’Italia e amo il mio paese, nonostante ci siano delle cose che non condivido per alcuni meccanismi. Però quello che sento più vicino a me è cantare in inglese. Da piccolo ascoltavo Stevie Wonder e cantavo le sue canzoni. Sono cresciuto con la black music. Inoltre, ringrazio tantissimo la mia produzione, perché mi ha lasciato una grande libertà di espressione.

A cosa ti riferisci quando dici che ci sono dei meccanismi che non condividi?

In Italia purtroppo va avanti chi ha più santi. In America le cose funzionano se c’è meritocrazia. Qua anche solo per essere ascoltato devi pregare ogni santo possibile. Laggiù ad esempio hanno parlato di me e della mia voce, non di chi ho dietro. Hanno parlato di chi sono io come artista, di chi sono come cantante, del mio background, della canzone e della mia voce. Qua per andare avanti devi avere qualcuno alle spalle (come ad esempio i “Dire Straits” ndr) da poter far parlare e a quel punto vieni ascoltato. Là invece non funziona così, c’è meritocrazia e se hai talento vai avanti.

Com’è essere libero per Manuel Aspidi?

Sicuramente cantare! In assoluto è la prima cosa, io quando canto sono la persona più felice del mondo. Quando canto mi sento completo a 360 gradi. Uno potrebbe dire che sono frasi fatte ma non è così. Io canto da quando sono piccolo, ho iniziato a capire che amavo cantare all’età di 6 anni con le canzoni della Disney. Quando canto mi sento libero da ogni problema, pregiudizio mentale, vincolo o barriera. Mi sento me stesso. Mi sento libero da quelle esperienze che non sono state molto positive, ma che adesso fanno parte del mio passato. Ora sto con la testa verso il futuro.

MANUEL ASPIDI

A gennaio partirà il tuo prossimo tour e vedrà in Livorno la città di partenza. Cosa ci puoi anticipare di questo tour?

Partirà il 31 gennaio al teatro Goldoni di Livorno. Sarà uno spettacolo dove io canterò tutti i pezzi del mio disco e ripercorrerò anche il mio passato. Canterò anche i brani che hanno fatto la mia storia artistica. Ci saranno molte sorprese che adesso non posso però dire. Non vedo l’ora che sia il 31 gennaio per poter cantare nella mia città natale.

Inoltre, questo tour avrà anche uno scopo benefico. Una raccolta fondi per una giusta causa, di cosa si tratta?

Sì, c’è uno scopo benefico in questo tour, poiché in ogni data farò una raccolta fondi per Jo, una bambina livornese che deve essere operata al pala-institute in Florida, per tornare a camminare. Visto che per queste strutture ci sono dei costi non indifferenti ho pensato che attraverso il mio tour potevo fare qualcosa per aiutarla.

Grandi I numeri in costante aggiornamento per Manuel Aspidi: Global Top 200 Airplay Chart nella DRT, posizione 47 della Top 50 Adult Contemporary Airplay Chart e alla posizione 29 della DRT Global Top 150 Indipendent Airplay Chart. Il video conta oltre 2 MILIONI di visualizzazioni youtube ed è in rotazione su MTV USA e in 750 emittenti mondiali e di recente anche su Music Choise.

I consueti paradossi ai tempi del talent…

morgan

Chiamateli ‘imprevisti’ o ‘strategie’: il risultato finale rimarrà il passaparola. Perché è così che accade quando un personaggio pubblico esce fuori dalle righe su un programma, soprattutto se è davanti a milioni di telespettatori.

Che sia un Morgan, o un Manuel Agnelli cambia essenzialmente l’ambiente di riferimento (e non servono sicuramente scienziati per individuarlo). Uno si è trovato di fronte ad un pubblico giovane (legato essenzialmente alla presenza scenica o aspetti collaterali) di specificità italiana,  l’altro dinanzi ad un target indifferenziato e ben collaudato nel circuito internazionale.
Eppure Morgan lo sapeva quando firmava per Amici che sarebbe stato di fronte a quel pubblico, così diverso da quello di X Factor. Lui, però, ha accettato lo stesso e si è ritrovato gradualmente ad essere investito dall’onda semplicistica di quell’ambiente, fatto d’inquadrature crepuscolari sugli allievi o sulla creazione di rapporti umani.

Perché dunque accumulare rabbia e slanciarsi in atti estremi durante una registrazione? Perché etichettare gli spettatori come ‘bimbiminkia’ se già lo si pensa e abbandonare il proprio posto? Forse per un imprevisto, dettato dalla fiducia di rivoluzionare il talent defilippiano, oppure per la strategia televisiva di creare più visibilità per un programma sempre più alla deriva, artisticamente parlando.

Sta di fatto che l’espulsione di Morgan da parte di Maria De Filippi ha creato un tamtam già visto che rilancia nell’opinione pubblica la medesima diatriba sulla qualità musicale di questi programmi televisivi. Ma porterà a qualcosa? Sicuramente no, perché la frattura era preesistente tra quella fascia d’età legata alla speranza e all’easy listening e quella vicina alla cultura musicale e all’ascolto impegnato. Dunque siamo di fronte all’ennesima opera gattopardiana che creerà scalpore in questi giorni, anche per chi non passa minimamente su canale 5 il sabato sera, e produrrà ‘soltanto fumo e niente arrosto‘.